Bagno in resina

Utilizzare la resina per rivestire il bagno, è una scelta che conferisce all’ambiente un aspetto raffinato e ricercato.

La resina in bagno è decisamente una delle migliori scelte estetiche, ma bisogna valutare attentamente la qualità, sia della tipologia di resina sia del metodo di posa applicato. Una lavorazione grossolana potrebbe creare in ambienti umidi, grossi problemi di infiltrazioni e rigonfiamenti. Per questo motivo consigliamo sempre di usare prodotti collaudati, efficienti e con prestazioni evolute.

Si presenta come un materiale non poroso che può essere pulito con semplici detergenti casalinghi. Per ripristinare la finitura lucida è sufficiente usare una pasta lucidante; se la finitura opaca viene graffiata o leggermente danneggiata può essere ripristinata con una carta abrasiva finissima

La resina è un materiale compatibile con ogni tipo di superficie, infatti, viene posta in opera su piastrelle esistenti, su tonachino, su cartongesso e tante altre. Si presenta come una superficie continua, questo significa che evita la proliferazione batterica e la formazione di muffe all’interno delle fughe.

Con la resina, come vedremo, si possono rivestire non solo le pareti e i pavimenti, ma anche lavabi, vasche, arredi e piatti doccia in tono con il pavimento o rivestimento del bagno.

Nel lavoro che vi presentiamo, abbiamo utilizzato la resina per rivestire interamente il bagno. In particolare, abbiamo realizzato il lavabo in resina che è consigliato a chi cerca un look moderno, delle forme dall’ampia flessibilità, e una semplice manutenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *