Ristrutturazione completa del bagno

La ristrutturazione di un bagno è un lavoro importante, la prima decisione da prendere è quella di scegliere se effettuare una ristrutturazione parziale o completa e ovviamente ciò dipende anche dal vostro bagno, dalle condizioni in cui versa e quali sono le modifiche da apportare.

Se avete optato quindi per una ristrutturazione completa, vi aspetta la scelta dei sanitari, del box doccia, della vasca, delle piastrelle e del pavimento. Per questo motivo è utile conoscere le varie lavorazioni e le possibilità di scelta.

Ma vediamo le fasi di una ristrutturazione completa di un bagno che abbiamo effettuato di recente.

Si tratta di un bagno di un appartamento di edilizia residenziale pubblica nel comune di Iglesias.

Fase 1: La Demolizione

La fase più rumorosa e impolverata della ristrutturazione del bagno.

Inizia con la rimozione dei sanitari, poi il pavimento, i rivestimenti e il massetto di sottofondo. In questo caso il massetto è stato demolito perché abbiamo sostituito anche le tubazioni degli impianti.

Dopo aver sgomberato l’area, si segnano le tracce. Le tracce indicano le posizioni dei nuovi sanitari, tubazioni, attacchi lavabo, scarico vasca/doccia…

Fase #2: Posizionamento impianti

La ricostruzione inizia dal rifacimento dell’impianto idraulico. Si individuano quindi i “punti d’acqua” presenti.

Nel nostro caso sono 4: wc, bidet, lavello e doccia.

In seguito si procede con l’impianto elettrico, anche in questo caso si definiscono innanzitutto i punti luce che sono: prese, lampadario e le luci per lo specchio.

Fase #3: Getto e livellamento massetto

Si tratta di uno strato di calcestruzzo (di spessore variabile), che ha lo scopo di sorreggere e livellare il pavimento.

Fase #4: Posa pavimenti e rivestimenti

La posa avviene quando il massetto è completamente asciutto e calpestabile.

Il pavimento coprirà tutto il bagno (escluso lo spazio occupato da doccia e vasca).

Per i rivestimenti invece, è necessario scegliere le dimensioni dell’area da piastrellare:

◼︎ fino al solaio;
︎ ad altezza-porta (2,10 – 2,20 mt. circa);
︎ a metà parete (1,30 – 1,40 mt. circa) esclusa zona doccia
︎ solo in alcuni punti (zona doccia, sanitari, lavabo)
︎ niente piastrelle;

La posa del pavimento e dei rivestimenti viene completata con la stuccatura dei giunti.

Fase #5: Montaggio sanitari e rubinetterie

Prima di ogni cosa, vi consigliamo di scegliere la tipologia di sanitari da installare nel vostro bagno: posati a terra o sospesi. Questa scelta influenzerà la collocazione delle tubature. Per questo, nel caso non dobbiate fare una ristrutturazione completa come in questo caso, vi consigliamo di scegliere lo stesso tipo di sanitari che avevate precedentemente in modo tale da risparmiare tempo e denaro.

Fase #6: Finitura e Collaudo

Una volta completato il pavimento e le piastrelle, si procede con la tinteggiatura delle pareti e del soffitto.

L’ultima fase è un controllo.

Infine si esegue una pulizia completa dell’area di lavoro

Ecco il bagno, a ristrutturazione ultimata:

Lo sapevi che?

Per il rifacimento totale del bagno la detrazione del 50% permette di detrarre dall’IRPEF fino al 50% di 96.000€ in 10 anni. Ciò significa che se fai il lavoro può beneficiare del 50% per tutta la spesa che sostieni, compresa i sanitari. Esempio: se rifare il bagno ti costa 10.000€, puoi recuperare fino 5.000€ in 10 anni, cioè 500€ l’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *