Misurare il contenuto di umidità del massetto

Descriviamo il metodo di controllo del contenuto di umidità in un massetto, previsto dalla norma UNI 10329. E’ necessario verificare che il massetto abbia una determinata percentuale di umidità residua, legata al suo equilibrio igrometrico raggiunto dopo un adeguato periodo di maturazione.

Il tempo di maturazione è quindi uno dei requisiti fondamentali per un massetto cementizio e per la conseguente posa del parquet.
La posa in opera di un parquet è consentita anche se il massetto non ha ancora raggiunto perfettamente le condizioni di equilibrio, purché il grado di umidità residua sia inferiore o uguale a 2% in peso. Nel caso in cui l’umidità sia vicina al 2% ma si debba lavorare in tempi rapidi, allora si stendono dei primer sul massetto per consentire la posa del legno.

Le conseguenze provocate dall’umidità, possono variare da una semplice ondulazione o un leggero rigonfiamento, a fenomeni di distacco e sollevamento del pavimento.

Per essere idoneo alla posa di un pavimento in parquet, il massetto deve essere:

  • di spessore adeguato
  • resistente meccanicamente
  • compatto
  • stagionato
  • privo di fessurazioni
  • liscio
  • pulito
  • asciutto

Per determinare il contenuto di umidità nel massetto, abbiamo utilizzato il metodo più preciso definito dalla norma, ovvero quello che prevede l’utilizzo dell’igrometro a carburo.

Si procede con il prelievo di una piccola porzione di massetto; la norma impone che le modalità di prelievo non comprendano l’utilizzo di trapani e che venga scartato il primo strato superficiale di circa 15mm.

Il campione prelevato viene poi pesato in quanto la massa da prelevare varia in funzione del contenuto di umidità prevista.

Dopodiché si introduce il campione in un contenitore in acciaio insieme a delle sfere in metallo e una fiala contenente il carburo di calcio. Quindi si posiziona il manometro sul contenitore, lo si chiude ermeticamente e si scuote energeticamente per 5 minuti in modo tale che il campione reagisca in maniera completa con il carburo di calcio.

Infine si effettua la lettura del manometro e si verifica che la percentuale di umidità contenuta nel massetto non superi il 2%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *