Controsoffitto: idee e soluzioni

Il controsoffitto, una soluzione per diversi problemi.

Aspetto funzionale:

Il controsoffitto sfrutta l’altezza dell’ambiente considerato per ricavare un vano sospeso da utilizzare per diversi scopi.

Quindi offre un’eccellente soluzione per nascondere i cavi e i dispositivi elettrici. Inoltre offre l’alloggio per vari tipi di illuminazione, le principali sono le luci da fonti alogene che permettono di mettere in rilievo dei particolari dettagli; poi vi sono i tubi fluorescenti che producono un’illuminazione di sfondo, continua e diffusa.

Se invece si ha uno spazio superiore ai 50 cm, si può costruire un’intercapedine portante nel controsoffitto e realizzare un vano per riporre oggetti di piccola taglia.

Un altro aspetto funzionale del controsoffitto, consiste nell’utilizzarlo per coibentare l’ambiente, si inserisce nell’intercapedine della lana di roccia ben compattata e magari dei pannelli di sughero o di polistirolo, in modo da ottimizzare il risultato; anche del poliuretano espanso di tipo spray, è una veloce tecnica di riempimento dell’intercapedine.

Aspetto estetico:

Il controsoffitto può migliorare la percezione di uno spazio, modificandone le forme e le dimensioni.

Ad esempio si può frammentare lo spazio realizzando una controsoffittatura ad ad altezza variabile lungo il suo sviluppo. Oppure si potrebbe costruire il controsoffitto solo in una porzione di ambiente, in modo da individuare due aree diverse nelle stesso spazio, ad esempio distinguere l’area dedicata al tavolo da pranzo e quella invece del salotto con i divani.

controsoffitto frammentato

L’effetto di suddivisione, si può creare in due modi opposti. Il primo evidenzia una zona rispetto al resto dell’ambiente. Il secondo, propone una soluzione in cui si costruisce il controsoffitto ovunque tranne nell’area da evidenziare. Nell’immagine infatti, si può notare come si evidenzia la zona dell’isola o della penisola, che è quella dedicata alla preparazione dei cibi, per fornirgli un’illuminazione puntuale che ne agevoli l’uso.

Inoltre si può realizzare un “gioco di volumi” in un angolo o in un lato del soggiorno, al di sopra della zona tv, realizzando una struttura a gradoni ed inserendo delle piccole luci d’atmosfera.

Tipologie

Il materiale più utilizzato è il cartongesso, costituito da lastre di varie dimensioni che prevedono uno strato centrale di gesso racchiuso tra due superfici di cartone. Si tratta di un materiale leggero, rapido e versatile in quanto è facile da tagliare a misura. Le lastre sono di diversi tipi; quelle di gessofibra sono particolarmente resistenti agli urti, quelle arricchite con perlite sono resistenti al fuoco, mentre le lastre in cemento fibrorinforzato offrono alte prestazioni di resistenza agli urti e all’umidità.

Un’alternativa al cartongesso, sono i controsoffitti in doghe, grigliati e pannelli che vengono installati su una struttura in profili di lamiera fissata alla parete. L’illuminazione di questo controsoffitto si realizza praticando dei fori ai pannelli dove verranno inseriti i faretti a lampada led. Se invece le strutture sono a doghe o a griglia, è necessario applicare dei punti luce sospesi.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *